Valentina 35 anni: “Ho partecipato a Progetto Professionalità quasi per caso, su segnalazione di un collega. Così sono partita, prendendo l’aspettativa dal mio lavoro, e per sei mesi ho vissuto, lavorato ed esplorato le strade di Madrid. Ho effettuato un periodo di ricerca presso la Facoltà di Psicologia dell’Università Autonoma. Il mio impegno in quella bellissima città è stato intenso e pieno di soddisfazioni: nel cercare di descrivere e narrare i percorsi dei giovani di origine latinoamericana coinvolti nel fenomeno dei gruppi di strada, ho imparato a lavorare in un’altra lingua, a mettermi alla prova senza timore in un contesto lavorativo dai contorni differenti; a lavorare, a cavallo tra università, terzo settore e l’informalità del lavoro educativo in strada, mescolando linguaggi, competenze ed esperienze tra le più disparate. Una volta tornata ho subito pensato che la mia esperienza, seppure stupenda, si fosse conclusa senza lasciare tracce. Ho invece capito, già pochi giorni dopo, di avere acquisito nuove abilità che mi avrebbero permesso di lavorare in maniera distinta e più completa. Oggi sono direttrice della cooperativa per cui lavoravo già prima di partire, ho sicuramente più fiducia nelle mie competenze, ma soprattutto le reti intessute, amicali e professionali, si stanno rivelando proficue occasioni di scambio, incontro e confronto a livello europeo e transnazionale. “