Gregorio avrà presto l’occasione di intraprendere la sua avventura formativa con Progetto Professionalità, un’esperienza unica che lo porterà all’ospedale Pitié-Salpêtrière – Charles Foix, Parigi.

“Sono iscritto al terzo anno della Scuola di Specializzazione in Medicina Fisica e Riabilitativa dell’Università degli Studi Milano-Bicocca. Dopo essermi laureato Summa cum Laude in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Pavia (settembre 2014), con lo scopo di mettere alla prova le mie competenze ed accrescere le mie conoscenze, ho trascorso diversi periodi all’Estero.

È mia intenzione arricchire il percorso formativo sviluppando il progetto di Tesi di Specializzazione in collaborazione con la prof.ssa Dihel-Pradat, direttore del reparto di Neuroriabilitazione dell’Ospedale Pitié-Salpêtrière e docente della Sorbonne Université.

Più nel concreto durante il mio periodo a Parigi mi dividerò tra:
Lavoro clinico presso il reparto di Neuroriabilitazione (presa in carico, sia in regime di ricovero che ambulatoriale, di pazienti affetti da postumi di gravi cerebrolesioni)
• Partecipazione a progetti di ricerca in collaboazione con il reparto di Neuroranimazione ed il servizio di Diagnostica per Immagini (correlazione anatomo-clinica delle lesioni celebrali; sviluppo di protocolli aventi come oggetto l’utilizzo della neuromodulazione transcranica).

L’attività di ricerca dovrà sfociare nella pubblicazione di almeno un articolo in lingua inglese in una rivista internazionale.

Il mio obiettivo è quello di estendere le competenze nell’ambito della riabilitazione delle gravi cerebrolesioni acquisite con particolare riguardo alla presa in carico dei deficit cognitivi ed al trattamento della spasticità focale e dei disturbi delle funzioni vescico-sfinteriche.

Inoltre il mio impegno sarà orientato alla ricerca clinica nell’ambito della correlazione anatomo-clinica delle lesioni celebrali (sede del dannoprognosi nel medio periodo e conseguente progetto riabilitativo) e collaborazione allo sviluppo di protocolli aventi come oggetto l’utilizzo della neuromodulazione finalizzata al recupero delle funzioni cognitive lese.

Tali attività di ricerca (che saranno svolte in collaborazione con il reparto di Neuroranimazione ed il servizio di Diagnostica per Immagini dell’Ospedale Pitié-Salpêtrière) dovranno sfociare nella pubblicazione di almeno un articolo in lingua inglese in una rivista internazionale.

La Regione Lombardia vanta la più alta concentrazione italiana di strutture d’eccellenza nell’ambito della Medicina Fisica e Riabilitativa. Una delle sfide più importanti della medicina moderna è senza dubbio l‘ottimizzazione della presa in carico polispecialistica del paziente. Come esposto in precedenza, è necessario un approccio multidisciplinare ed il medico riabilitatore, al centro del progetto riabilitativo, non può esimersi dall’acquisire competenze trasversali.

La professoressa Dihel-Pradat, direttore del reparto di Riabilitazione della Pitié-Salpêtrière e docente della Sorbonne Université, rappresenta uno dei capofila internazionali di questo nuovo modo d’intendere la medicina riabilitativa. Frequentare il suo Reparto e prendere parte ai suoi progetti di ricerca sarebbe quindi un’occasione estremamente formativa: non solo avrei modo di arricchire il mio personale bagaglio culturale ma porterei a casa un’esperienza sicuramente preziosa da condividere con i colleghi.”

Scopri le storie dei vincitori del bando di Progetto Professionalità sul nostro blog!